Autorità competente

Autorità competente

La Città Metropolitana di Genova, ai sensi dell'art. 31 comma 3 della L. n. 10/91, dell'art. 31 comma 2 del D.lgs. n. 112/98, dell'art. 129 del DPR n. 380/01 e degli artt. 8 e 9 della L.R. n. 22/07 è individuata quale Autorità competente in materia di controllo dell'esercizio e della manutenzione degli impianti termici civili ubicati sul territorio Metropolitano con esclusione del territorio del Comune di Genova dove la competenza è in carico allo stesso Comune.

La legge dispone che l'Autorità competente effettui gli accertamenti e le ispezioni necessarie a verificare che gli impianti termici siano correttamente condotti e manutenuti: la Città Metropolitana di Genova, per il triennio 2017 ÷ 2020, ha affidato alla società Tecnocivis S.p.A. il servizio di accertamento e ispezione sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva nel proprio ambito territoriale. L’esecuzione delle ispezioni sarà preceduta dall’invio di un preavviso all’utente recapitato alcuni giorni prima della data di ispezione.
Nel corso del controllo l’ispettore:

  • Verificherà le generalità del Responsabile Impianto;
  • Controllerà che il libretto di impianto sia correttamente compilato in ogni sua parte e che sia corredato da tutta la documentazione prevista (Rapporti di Efficienza Energetica, indicazioni del manutentore circa la tipologia e la frequenza delle operazioni di controllo e manutenzione periodica, indicazione dell'effettuazione delle manutenzioni periodiche);
  • Eseguirà l’esame visivo del generatore e dei locali di installazione per valutarne la rispondenza alle prescrizioni normative;
  • Eseguirà i controlli strumentali al fine di verificare i parametri tecnici.

Al termine dell'ispezione sarà compilato un apposito verbale rilasciato in copia al Responsabile di impianto. Il verbale dovrà essere firmato dall'Ispettore e dal Responsabile di impianto per presa visione.
Le ispezioni si distinguono in due categorie: ispezioni a campione e ispezioni d'ufficio.
Le ispezioni a campione sono disposte ai sensi dell'art. 20 comma 2 del regolamento regionale n. 1/2018 e, di norma, sono gratuite.
Le ispezioni d'ufficio sono disposte nei seguenti casi:

  • Qualora non pervenga al sistema catastale regionale degli impianti termici (CAITEL) alcun Rapporto di Controllo di Efficienza Energetica secondo le cadenze di cui all'allegato H al regolamento regionale n. 1/2018;
  • Qualora il manutentore trasmetta al CAITEL un rapporto di controllo di efficienza energetica in cui il rendimento di combustione sia inferiore ai valori individuati all'allegato M al regolamento regionale n. 1/2018 oppure venga segnalata un'anomalia tale da rendere l'impianto non idoneo all'utilizzo;
  • In caso di richiesta di un condomino che utilizza l'impianto;
  • qualora a seguito di una precedente ispezione in cui fossero state rilevate difformità e il responsabile di impianto non avesse provveduto a comunicare all'Autorità competente l'adeguamento impiantistico nei termini prescritti.

Le ispezioni d'ufficio sono onerose con costi a carico del responsabile di impianto. Gli importi degli oneri sono desumibili dai seguenti dati (allegato N al regolamento regionale n. 1/2018):

Impianti dotati di generatori di calore, pompe di calore, macchine frigorifere

  • Potenza impianto (Kw) 10≤P<35 Onere di ispezione € 150,00
  • Potenza impianto (Kw) 35≤P<100 Onere di ispezione € 250,00
  • Potenza impianto (Kw) 100≤P<350 Onere di ispezione € 350,00
  • Potenza impianto (Kw) P≥350 Onere di ispezione € 400,00

Micro-cogenerazione e cogenerazione

  • Potenza impianto (Kw) Pel<50 Onere di ispezione € 350,00
  • Potenza impianto (Kw) 50≤Pel<1000 Onere di ispezione € 400,00
  • Potenza impianto (Kw) Pel≥1000 Onere di ispezione € 600,00

L'importo dell'onere sarà indicato in calce al verbale. L'importo sarà saldato direttamente a Città Metropolitana di Genova. Nessun importo dovrà essere pagato all'Ispettore.